Sede Regionale
VIA MASSARA 22, 88100 CATANZARO
Sede Regionale
Via Massara 22, 88100 Catanzaro
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all’uso di tutti i cookie
LEGALITA' E TRASPARENZA >> Le agromafie soffocano il mondo dell'eco-agro-industria.
Se le economie di mezzo mondo sono travolte da una crisi senza precedenti  per le agromafie gli affari non conoscono recessione.
 
Cresce ovunque il business delle attività  criminali che così  reinvestono e moltiplicano i loro proventi.
 
Nella filiera alimentare, dal controllo delle terre alla produzione, trasformazione, commercializzazione e vendita dei prodotti, va ampliandosi il dominio degli agromafiosi che agiscono spesso dietro  prestanomi e compiacenti.
 
Il recente Rapporto Agromafie elaborato da Eurispes, Coldiretti e Osservatorio sulle Agromafie fotografa nella realtà nazionale  il volume di affari di circa 14 miliardi di euro del 2013 ed i circa 5.000 locali di ristorazione (ristoranti, alberghi, centri commerciali, agroturismi, bar, mercati ortofrutticoli, ecc..) che prosperano attorno all'agroalimentare.
 
Un business in crescendo che segna  il dominio delle mafie su terre e territorio, sul lavoro (caporalato, sfruttamento immigrati, falsi braccianti ecc.) e sulle attività commerciali.
 
L'anno 2014 segna un ulteriore aumento: un  +10% sul 2013 che porta a 15,4 mld di euro il giro di affari che dal Mezzogiorno si è esteso al Centro e al Nord.
 
Un'economia malata che depreda e avvelena la terra, l'economia sana e  gli  imprenditori onesti.
 
Una piaga ancor più ampia se si legge nella complessità del fenomeno delle eco-agro-mafie e delle truffe alimentari che danneggiano il made  in Italy attraverso adulterazioni, contraffazioni e sofisticazioni di prodotti alimentari commercializzati per autentici.
 
I consumatori devono poter contraddistinguere da un apposito marchio  la tracciabilità dei prodotti che compongono gli alimenti sotto il profilo della qualità, della sicurezza e della legalità.

Settembre 2015