Sede Regionale
VIA MASSARA 22, 88100 CATANZARO
Sede Regionale
Via Massara 22, 88100 Catanzaro
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all’uso di tutti i cookie
Aree di interesse >> SCUOLA E UNIVERSITA' >> Le Università del Sud le meno costose
 
L'Osservatorio Nazionale Federconsumatori (ONF), con l'inizio del nuovo anno accademico 2015-2016,  ha realizzato il 6° Rapporto Nazionale sui costi delle Università italiane.
Lo studio evidenzia i costi delle Università di diverse regioni: in media si spendono dai 530,93 Euro se si ha un reddito che rientra in I fascia,  ai 2.246,50 Euro se rientra  in V fascia.
 
Rispetto al 2014 i costi  sono rimasti pressoché inalterati.
 
Hanno subito invece una leggera flessione i costi per quanti rientrano nella I, la II e la III fascia. Le tasse per le ultime due fasce di reddito, invece, sono lievemente aumentate, rispettivamente del +0,44% e del +2,42%.
 
Le Università del Nord Italia risultano più costose rispetto alle altre del: del  +16,79% rispetto alle Università del Sud e del +15,47% rispetto alla media nazionale.

L'ateneo più caro tra quelli considerati nell’indagine si conferma l’Università di Parma, seconda l’Università di Milano, che prevede contributi minimi di 711 euro per le facoltà umanistiche e di 788 euro per le facoltà scientifiche.
 
Per molte famiglie si tratta  di costi insostenibili, ancor più in considerazione della perdita del potere di acquisto dei propri redditi diminuiti di oltre il -13,4% dal 2008 ad oggi.
 
E'  drammatico constatare in questo quadro la difficoltà di  molti giovani a proseguire gli studi universitari.
 
Il Presidente Nazionale di Federconsumatori, Rosario Trefiletti, ha dichiarato:
"È impensabile che il figlio di un evasore fiscale paghi meno del figlio di un operaio in cassa integrazione. È addirittura allucinante che il primo possa accedere e ottenere una borsa di studio della quale non ha alcun bisogno. Si tratta di una vera e propria truffa ai danni dello Stato, che deve essere contrastata in ogni modo."
 
Occorrono per questo severi controlli e sanzioni per tutti coloro che usufruiscono illegittimamente  dei fondi riservati a chi ne ha  davvero bisogno.
 
Insieme a questi interventi servono misure di sostegno al diritto allo studio ed al trasporto pubblico per gli studenti meno ambienti e residenti in territori disagiati sul piano della mobilità.
 
Settembre 2015

SCARICA IL VI RAPPORTO SUGLI ATENEI ITALIANI -  ANNO ACCADEMICO 2014-2015