Sede Regionale
VIA MASSARA 22, 88100 CATANZARO
Sede Regionale
Via Massara 22, 88100 Catanzaro
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all’uso di tutti i cookie
Qui Calabria >> Quelle diseguaglianze che la politica non affronta.
Quelle diseguaglianze che la politica non affronta.
 





















Nello studio dell'Osservatorio Jobpricing commissionato per Repubblica.it su un ampio campione di utenti, esclusi gli autonomi e i dipendenti della pubblica amministrazione, emerge il marcato divario degli stipendi percepiti nelle diverse aree del Paese.

Il differenziale tra Nord e Sud resta stridente: gli stipendi medi lordi delle province calabresi si attestano a circa 23.500 euro contro la media della Lombardia di 31.179 euro.

Ancora più marcata la differenza fra la provincia più ricca della Lombardia (Milano € 34.508) e quella più povera della Calabria (Crotone € 22.736) che segna un dislivello del 34,11%; differenze ancora più pesanti se sommate al carico di fiscalità, di tassazione locale e dalla carenza di servizi pubblici come quelli sanitari, sociali o alla mobilità che grava sui redditi del Mezzogiorno.

Ciò, ancora una volta, pone il Governo nazionale e le classi dirigenti meridionali di fronte alla responsabilità morale e sociale di rafforzare la valenza inclusiva del CCNL e del Welfare pubblico e di approntare misure di forte impatto sulle economie dei territori che abbiano come fulcro un piano straordinario di investimenti per rilanciare la buona e piena occupazione, il Welfare locale, la crescita ed i consumi del Mezzogiorno dentro le coordinate di diritti nel lavoro, di legalità e di lotta alla corruzione.

Mentre la Legge di stabilità dimentica il Sud e l'annunciato Masteplan rischia di essere un contenitore di slogan, ogni altra misura frutto di una visione residuale e assistenziale della condizione dei giovani e del lavoro, così come la proposta del bonus di 500 euro per i 18enni, risulta uno specchietto per le allodole di fronte alla marea di povertà, di lavoro sfruttato, precario e mal pagato che costringe le famiglie a fare i conti con le ristrettezze della vita quotidiana.

Fonte Job Pricing per La Repubblica – Elaborazione Federconsumatori Calabria
Province
Calabria
Posto occupato
nella classifica
nazionale su 110
Stipendio medio lordo
in valore assoluto
Differenziale in %
tra prima e ultima regione
(Lombardia € 31.179)
Catanzaro 80° € 24.869 -20.24%
Cosenza 99° € 23.317 -25,22%
Vibo Valentia 101° € 23.282 -25,33%
Reggio Calabria 105° € 23.033 -26,13%
Crotone 109° € 22.736 -27.08%
Totale   € 23.447 -24,8%