Sede Regionale
VIA MASSARA 22, 88100 CATANZARO
Sede Regionale
Via Massara 22, 88100 Catanzaro
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all’uso di tutti i cookie
Qui Calabria >> Caronte&Tourist: sanzione dall'Antitrust da 4 miloni di euro.
Caronte&Tourist: Federconsumatori saluta positivamente l’esito dell’istruttoria dell’Antitrust che irroga una sanzione di 3,7 ml di euro. Ora s’intervenga per migliorare il servizio e garantire la concorrenza di mercato dei trasporti sullo Stretto.

Federconsumatori Calabria accoglie positivamente il provvedimento sanzionatorio dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato verso la società Caronte&Tourist destinataria di una multa di 3,7 milioni di euro. Secondo l’Autorità, la società C&T, che sullo Stretto fornisce il servizio dal 1965 e detiene oggi una flotta di 8 navi, ha abusato di posizione assoluta dominante nel trasporto dei passeggeri e auto al seguito: 40-50 corse nelle 24 ore, in pratica 2 navi ogni ora di C&T contro 1 nave ogni 2 ore in media di Bluferries.

Lo stesso dominio del mercato è detenuto anche sul traffico merci, un monopolio che pesa anche sulla congestione conseguente degli approdi e di saturazione dell’offerta sino a divenire pressione concorrenziale. A ciò si aggiunge che C&T è l’unico vettore ad avere sempre servito Villa S.G.- MRSF e, essendo integrato allo scalo in qualità di gestore del terminal e vettore, beneficia dei collegamenti diretti con le reti autostradale e consente così di offrire servizi di traghettamento più brevi e rapidi, mantenendo la tratta più attrattiva per i passeggeri. Inoltre, risulta che la maggior parte degli invasi sono in concessione a C&T in cambio di lavori strutturali delle banchine e di fatto interdette a qualsivoglia traffico.

L’Autorità ha accertato che C&T, in posizione di assoluta dominanza nel traghettamento passeggeri con auto al seguito sullo Stretto di Messina, ha sfruttato il suo potere di mercato per applicare ingiustificatamente prezzi gravosi per i consumatori anche in presenza di sconti card al punto da generare profitti ingiustificati per la Società nel raffronto tra ricavi e costi di produzione del servizio, prezzo e qualità dello stesso.
L’analisi di eccessiva onerosità condotta dall’Antitrust ha accertato che le tariffe applicate da C&T ai passeggeri con autoveicolo, risultano sproporzionate rispetto ai costi sostenuti (con maggiorazione del 40-45% sulla media delle altre rotte comparabili) e che tale sproporzione è irragionevole rispetto al valore economico del servizio reso. L’Antitrust ha perciò evidenziato l’iniquità, l’irragionevolezza e la sproporzione dei prezzi applicati ai passeggeri rispetto al confronto con benchmark internazionali comparabili rilevando inoltre che la flotta di C&T ha un’età media molto elevata (27 anni) e il servizio di traghettamento giudicato scarso da molti passeggeri.

Mimma Iannello Presidente di Federconsumatori Calabria APS:
“La decisione assunta dell’Antitrust soddisfa ma non ci sorprende vista la condotta di C&T e le politiche dei prezzi riservate ai passeggeri nel corso degli anni. Semmai, sorprende la misura e la gravità dei rilievi riscontrati nell’istruttoria condotta dall’AGCM. La condizione di predominio di C&T sullo Stretto anziché trasformarsi in valore sociale per il territorio e per le migliaia di passeggeri che ogni anno ne fanno uso è stata invece un mero motore di profitto a scapito dei consumatori ed ogni oltre ragionevole logica di mercato. Una condotta inaccettabile e giustamente sanzionata.
Come Federconsumatori nel corso di questi anni siamo più volte intervenuti sul caro-trasporti sullo Stretto e per questo nel 2020 salutato positivamente l’avvio dell’istruttoria dell’Antitrust contro C&T. Avevamo contezza dei prezzi praticati troppo alti, delle differenze delle tariffe tra C&T e Bluferris, avevamo sollecitato maggiori controlli sulla qualità del servizio e chiesto maggiore vigilanza sulle troppe violazioni sulla sicurezza dei passeggeri, sui tempi di attesa, sugli affollamenti incontrollati, anche alla luce dell’emergenza sanitaria.  Inoltre, a febbraio dello scorso anno abbiamo apprezzato l’azione della Magistratura reggina che negli sviluppi dell’inchiesta Scilla&Cariddi aveva svelato il livello di infiltrazioni di potenti clan dello Stretto nella Società C&T le cui pratiche risultavano piegate a condotte illegali.
A questo punto, le misure assunte dall’Autorità nazionale non solo richiedono il rispetto di ogni prescrizione da parte di  C&T, oltre il pagamento della sanzione irrogata, ma aprono uno spiraglio per quanto riguarda eventuali azioni risarcitorie per i consumatori e, per quanto riguarda l’immediato, il corretto adeguamento delle offerte tariffarie e  la definizione di un sistema di attraversamento dello Stretto che tenga conto della condizione di monopolio del mercato da parte di C&T che non può tenere in scacco un traffico annuo di circa 10 milioni di passeggeri e dettarne i prezzi. E’ una discussione complessa, che riguarda evidentemente anche l’adeguamento dell’infrastrutturazione portuale regionale di cui la Regione deve farsi carico e che come Federconsumatori chiediamo venga sviluppata anche alla presenza delle Associazioni dei consumatori in rappresentanza degli interessi generali dei destinatari finali dei servizi di trasporto.    

Lì  12.04.2022                                                                                     Federconsumatori Calabria APS
 
dove siamo

Sede Regionale
Via Massara 22 c/o Cgil Calabria, Catanzaro (88100) - Telefono: 0961-77841/0961-778420 - Fax 0961-770323
Email
presidente@federconsumatoricalabria.it - calabria@federconsumatoricalabria.it - federconsumatoricalabria@pec.it

SEGUICI SU